Piacenza

Tares, ecco chi deve pagare
I chiarimenti del Comune di Piacenza

21 novembre 2013

Palazzo Mercanti, sede del Comune di Piacenza

Palazzo Mercanti, sede del Comune di Piacenza

In vista dell’imminente scadenza di pagamento della seconda rata della Tares, per la quale i contribuenti piacentini stanno ricevendo in questi giorni l’avviso, l’Amministrazione comunale ritiene opportuno fornire alcune precisazioni.
L’importo del tributo, come previsto dalla relativa legge (la n. 214 del 2011), si compone di due distinte voci riportate in bolletta: alla copertura dei costi riguardanti il servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati avviati allo smaltimento, di cui beneficiano tutti i residenti, si aggiunge infatti la maggiorazione – pari a 0.30 euro al metro quadro – inerente ai costi dei servizi indivisibili dei Comuni, il cui introito è destinato esclusivamente allo Stato e non è modificabile dagli enti locali. Entrambe le somme sono specificate sull’avviso, che riporta anche il termine ultimo entro il quale provvedere al pagamento, nonché l’invito a verificare la correttezza dei dati inseriti e, qualora si riscontrassero inesattezze, a contattare gli uffici di Iren Emilia Spa, che per conto dell’Amministrazione comunale sta recapitando ai contribuenti la nota.
Il regolamento che disciplina la Tares può essere consultato integralmente sul sito www.comune.piacenza.it cliccando sulla voce “Temi” nella parte alta della home page e, di qui, selezionando la sezione “Fisco”. Nel rimarcare l’importanza di un attento controllo del modello F24 allegato alla richiesta di pagamento, il Servizio Entrate ricorda che il mancato versamento di una o più rate comporta l’applicazione di una sanzione pari al 30% dell’importo non corrisposto o pagato in ritardo.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Economia e Politica Piacenza

NOTIZIE CORRELATE