Crisi Unieuro, l’assessore Timpano: “Passi in avanti”

6 dicembre 2013

Unieuro

A proposito della lunga trattativa tra Unieuro ed i sindacati dei lavoratori per la vertenza aperta, l’assessore allo Sviluppo economico, Francesco Timpano afferma: “Si è trattato di una giornata lunga, ma che ci ha fatto fare alcuni passi in avanti. E’ chiaro a tutti che non vi saranno soluzioni semplici. La situazione è complicata per una molteplicità di ragioni: in primo luogo, Unieuro viene da un periodo difficile in cui solo grazie al formidabile lavoro dei lavoratori del centro direzionale di Piacenza e Monticello d’Alba si è parzialmente recuperata una situazione di cronica difficoltà dell’azienda. Inoltre, il mercato della distribuzione dell’elettronica vive un periodo fortemente critico e comunque l’operazione segna l’uscita di Dixons, importante multinazionale del settore, dall’Italia con conseguenze che saranno comunque pesanti”.

Prosegue Timpano: “Nella trattativa in corso, le parti non sono ancora allineate su tutti gli aspetti, ma su alcuni punti qualche risultato parziale è stato ottenuto rispetto ad una posizione iniziale molto rigida da parte della nuova proprietà. Con l’accordo sui due anni di cassa integrazione, l’azienda si è impegnata implicitamente a puntare ad una ricollocazione di almeno il 30% dei lavoratori. Il comparto della logistica resterà a Piacenza e potrà potenziarsi se saremo capaci di creare nel polo logistico le condizioni per un rafforzamento della presenza del nuovo gruppo (che alla fine avrà una dimensione rilevante e che raddoppia la quota di mercato). In questo quadro, al contrario, altre condizioni offerte dall’azienda non sono assolutamente soddisfacenti e si sta lavorando per un loro miglioramento. Le istituzioni si sono fatte carico di proporre uno schema di accordo alle parti ed ieri su questo schema è arrivato l’assenso delle assemblee dei lavoratori. Ci sembra un risultato importante che ci auguriamo l’azienda sappia cogliere”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca