“Privatizzazione” Croce Rossa: “Destino incerto per lavoratori e utenti”

13 dicembre 2013

La protesta dei sindacati davanti alla Cri di Piacenza

Giornata di mobilitazione anche a Piacenza da parte dei Usb-Cri e Fialp-Cisal contro quella che le sigle sindacali definiscono la privatizzazione della Croce Rossa: “Dal 1 gennaio del 2014 tutte le sedi provinciali e comunali non saranno più enti pubblici, ma associazioni del privato sociale, con incognite che riguardano il personale e ovviamente anche il servizio reso ai cittadini. A 15 giorni da questa scadenza non sappiamo ancora come saremo riorganizzati, a Piacenza e provincia 24 lavoratori non conoscono ancora il loro destino”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE