Canoni estrattivi, in arrivo un aumento del 22 per cento. Coro di no

20 dicembre 2013

caveTutti contrari. Industriali, sindacati, istituzioni e cooperative. L’aumento del 22 per cento sui canoni estrattivi, che si credeva affossato a causa della difficilissima situazione economica del settore edile (che conta, nel Piacentino, circa 8mila addetti), è stato annunciato dall’assessore regionale Paola Gazzolo mercoledì alle associazioni di categoria ed è già pronto per essere approvato lunedì, giorno dell’antivigilia, dalla giunta di viale Aldo Moro a Bologna. La nuova tassa dovrebbe diventare operativa già dal primo gennaio 2014, nonostante negli ultimi tre anni e mezzo si sia perso più del cinquanta per cento del fatturato nel settore e, secondo le stime dell’Associazione tecnico economica del calcestruzzo preconfezionato, nel 2014 sia previsto un ulteriore calo del cinque per cento. Le previsioni di ripresa dei fatturati, almeno, del 2011, sono attese solo nel 2017. “Accettare ora, in questo contesto, un aumento dei canoni è pura follia” ha detto Claudio Bassanetti di Confindustria. Già nel 2011 era circolata una risoluzione che impegnava la giunta regionale all’adeguamento del canone a carico delle imprese da 0,57 euro a 2 euro per metro cubo.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE