E’ morto Arcangelo Dimaggio, portavoce di Emergency. Domani i funerali

13 Gennaio 2014

Arcangelo di Maggio (2)-800

Si svolgeranno domani alle 15 nella chiesa del Corpus Domini i funerali di Arcangelo Dimaggio, fondatore di Emergency a Piacenza. Alla cerimonia saranno presenti anche i vertici dell’organizzazione del soccorso, non ci sarà il padre di Emergency Gino Strada impegnato in Sudan.

Notizia delle 11 – Se ne è andato improvvisamente nella notte Arcangelo Dimaggio, portavoce di Emergency a Piacenza. Si deve a lui la nascita dell’organizzazione di Gino Strada sul territorio piacentino.
Un infarto lo ha stroncato nella notte all’età di 71 anni. Arcangelo Dimaggio era stato per anni presidente della circoscrizione 4 del Comune di Piacenza. Lo ricorda con grande affetto e commozione l’ex assessore comunale di Rifondazione Comunista Ignazio Brambati: “Era un uomo dal tratto umano fortissimo, bravo e buono davvero. La sua storia politica ha seguito un percorso non facile”. Arcangelo Dimaggio infatti era militare di carriera, aveva frequentato l’Accademia ed era arrivato al grado di Capitano del Genio Pontieri quando, negli anni 70 lasciò il mondo militare. Come ingegnere è stato dirigente tecnico del comune di Castelsangiovanni. Politicamente ha fatto parte anche del consiglio d’amministrazione della società dei trasporti Acap oltrechè, come detto, presidente della Circoscrizione 4 di Piacenza. Forte l’impegno sociale con l’associazione Emergency. “Era una persona generosa che credeva in quello che faceva e sapeva catalizzare la gente sui progetti. Era molto stimato da tutti.” così lo ricorda Romeo Frassani, cardiochirurgo piacentino, più volte impegnato in Sudan con l’organizzazione di soccorso. La notizia ha rattristato tutti, particolarmente colpiti gli esponenti di sinistra Nando Mainardi e Roberto Montanari: “Se ne va un grande uomo di sinistra – dicono – un uomo fortemente impegnato per la pace”. Arcangelo Dimaggio lascia la moglie, due figli e un nipotino.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà