Rubano carta di credito all’ospedale, condannati a due anni

31 Gennaio 2014

20140131-204443.jpg
Fanno sparire una carta di credito in un reparto dell’ospedale e con questa comprano benzina e pagano un pranzo in un ristorante della Valtrebbia. Il fatto è accaduto qualche tempo fa nel reparto di neurologia del Polichirurgico. Uno dei tecnici in servizio ha denunciato il furto della sua carta di credito e le forze dell’ordine hanno avviato accertamenti sul fatto. E’ risultato che i due con la carta di credito rubata avevano effettuato un pieno di carburante e successivamente si erano recati in Valtrebbia dove avevano pranzato in un ristorante, il tutto era costato all’ignaro proprietario della carta di credito circa 250 euro. Le indagini hanno portato alla denuncia di un uomo e una donna che sono stati successivamente rinviati a giudizio con l’accusa di furto aggravato e utilizzo improprio di carta di credito.
Oggi davanti al giudice Italo Ghitti è stato celebrato il processo nei loro confronti. I due sono difesi dall’avvocato Antonino Rossi. Pubblico ministero in udienza era Antonio Rubino. Al termine della sua arringa il difensore ha chiesto l’assoluzione degli imputati, il pm invece la condanna di entrambi. Il giudice ha successivamente condannato l’uomo (che è già noto alle forze dell’ordine per precedenti episodi) a due anni e tre mesi, la donna invece a due anni.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà