Corso Vittorio Emanuele a senso unico: ecco il progetto

08 Febbraio 2014

Viabilita Corso - Via Beverora

Presentato il nuovo assetto della zona corso Vittorio Emanuele-Stradone Farnese-via Beverora, con il senso unico dalla statua di Sant’Antonino al dolmen. “È una proposta che riteniamo molto interessante – ha detto il sindaco Paolo Dosi – sulla quale vogliamo confrontarci con la città, per ascoltare pareri e suggerimenti”.

L’idea si inquadra in un progetto da 500mila euro sulla sistemazione delle piste ciclabili e dei marciapiedi, che ha ottenuto un finanziamento regionale di 200mila euro. “L’obiettivo è riordinare quel comparto – ha precisato l’assessore Giorgio Cisini – non solo per la ciclabile del Corso, ma per tutte le questioni viabilistiche della zona. Diciamo che sorgerà una mega rotatoria, che comprende anche via Beverora a senso unico (dove sarà eliminato il semaforo, con la realizzazione di una rotatoria di 28 metri di diametro) e via Palmerio”.

Addio anche al semaforo del dolmen, mentre via Venturini sarà una strada di grande scorrimento, dove passeranno tre linee dei bus, con cadenza al massimo di 15 minuti. Sul Corso due piste ciclabili monodirezionali e protette, i posti auto attuali saranno garantiti. “Ci pare la risposta ideale per rispondere alle esigenze di tutti, ciclisti, automobilisti e commercianti della zona, che vorremmo riqualificare”, ha concluso Cisini ricordando anche la creazione di una pista ciclabile bidirezionale protetta in viale Malta, lato questura.

Nuove ciclabili anche in viale Beverora nel tratto fino all’ospedale militare, che diventerà a senso unico, con corsia riservata ai mezzi di soccorso. Se il progetto generale piacerà alla cittadinanza, l’intervento potrebbe partire nella prossima primavera.

Il passaggio successivo riguarderà la riqualificazione dei giardini di fronte al liceo Colombini con il denaro del fondo regionale per la sicurezza.

Corso Vittorio Emanuele II

© Copyright 2021 Editoriale Libertà