Nuovi rifiuti a Tecnoborgo, Legambiente: “Devono diminuire non crescere”

08 Febbraio 2014

Tecnoborgo_esterno

No di Legambiente e del Comitato per l’aria alla richiesta di Tecnoborgo di poter aumentare la potenza dell’inceneritore, utilizzando rifiuti provenienti dai territori extra provinciali; questa mattina le associazioni hanno presentato le loro osservazioni in merito, precedentemente depositate in Provincia.

“Non permetteremo che Piacenza possa diventare il deposito dei rifiuti di tutta la regione o ancor peggio di tutta Italia – ha spiegato Laura Chiappa, presidente di Legambiente -; l’inceneritore non deve continuare a bruciare rifiuti, per di più extraprovinciali, ma deve diminuire le tonnellate autorizzate nel tempo fino alla chiusura, a fronte dell’aumento costante della raccolta differenziata e della riduzione dei rifiuti da conferire”.

Sintesi delle osservazioni depositate in Provincia

© Copyright 2021 Editoriale Libertà