La madre dell’accoltellato: “Mio figlio è un grande uomo, non un incapace”

09 Febbraio 2014

20140208-233441.jpg

“Non è vero che mio figlio è un buono a nulla, anzi è un grande uomo”. A parlare è la moglie dell’uomo che ha ferito con una coltellata ad una mano il proprio figlio lo scorso gennaio a Piacenza. Per questo motivo l’uomo, un pensionato piacentino di 64 anni, era stato arrestato. Colto da malore era stato ricoverato all’ospedale. L’arresto era stato convalidato dal giudice e il pensionato piacentino è stato rimesso in libertà. Al momento di lasciare l’ospedale lo scorso 5 febbraio parlando con un poliziotto ha detto riferendosi a moglie e figlio: “Se mi provocano li faccio fuori tutti e due. Mio figlio non vale nulla”.
Per questa ed altre minacce il pm Roberto Fontana aveva immediatamente chiesto ed ottenuto dal gip Giuseppe Bersani una custodia cautelare in carcere e il pensionato uscendo dall’ospedale è stato subito accompagnato alle Novate con l’accusa di atti persecutori. Deve anche rispondere di lesioni e porto abusivo di coltello.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà