Agazzano: coliformi nella rete idrica. Acqua potabile solo se bollita

12 Febbraio 2014

batteri

I funzionari dell’Usl di Piacenza riformuleranno questa sera le analisi sull’acqua che sgorga dai rubinetti di Agazzano. “L’acqua contiene una discreta concentrazione di coliformi totali – ha spiegato un tecnico dell’Usl – che consiste in una sostenuta carica batterica”.

Dunque non si tratterebbe di coli fecali, che rappresenterebbero una minaccia più grave alla salute dell’uomo e soprattutto rappresenterebbero un problema di più complicata risoluzione. “Non è da escludere che nel giro di poche ore questa concentrazione possa tornare alla normalità: potrebbe essere un guasto all’impianto di clorazione alla base di questo valore anomalo”.

L’acqua rimane tuttavia non potabile fino a nuovo avviso da parte dell’amministrazione comunale: come riportato dall’ordinanza del Sindaco, l’acqua potrà essere utilizzata per scopi alimentari solamente previa bollitura per almeno 15 minuti.

Agazzano: è emergenza acqua. Coli fecali nella rete idrica – Coli fecali nell’acqua di Agazzano che pertanto è stata dichiarata non potabile se non dopo la bollitura. E’ stata emessa nella mattinata un’ordinanza con la quale si impone il divieto di bere acqua proveniente dall’acquedotto comunale: con tutta probabilità, le piogge degli ultimi giorni hanno fatto segnare un aumento delle concentrazioni di batteri, rendendo così inutilizzabile l’acqua del rubinetto a fini alimentari. Esclusa dal divieto la frazione di Sarturano. L’ordinanza resterà in vigore fino a nuovo avviso. Il sindaco Lino Cignatta rassicura i residenti della zona: “Sono già state effettuate le verifiche del caso e si sta provvedendo a risolvere il problema”.

L’ordinanza del sindaco

© Copyright 2021 Editoriale Libertà