Telefonia mobile, 26 contratti portano al Comune quasi 150mila euro all’anno

18 Febbraio 2014

Antenna telefonia

E’ entrata nel vivo la fase di rinnovo dei contratti con cui il Comune di Piacenza concede agli operatori di telefonia mobile l’utilizzo di propri beni (prevalentemente pali dell’illuminazione di impianti sportivi) su cui sono installati i ripetitori del segnale. L’amministrazione ha ricontrattato le condizioni con Telecom, Vodafone, H3G, Wind ed Ericsson, a cui si è aggiunta anche Linkem (internet veloce), stabilendo per tutti un canone di 5.500 euro annui per ciascuna postazione utilizzata.

Sono 19 i contratti per 9 anni di concessione a favore di operatori nella telefonia mobile: totale 104.500 euro, a cui vanno sommati i 7 contratti di concessione, sempre per 9 anni, a favore di Linkem, per altri 42.000 euro: il totale è dunque di 26 contratti concessori per 146.500 all’anno, cifra che moltiplicata per 9 anni fa 1 milione 318.500 euro.

La planimetria delle antenne sui siti comunali

© Copyright 2021 Editoriale Libertà