Il vescovo firma contro il gioco d’azzardo patologico: “Rovina le famiglie”

22 Febbraio 2014

foto_vescovo_firma

Anche il vescovo di Piacenza Mons. Gianni Ambrosio ha firmato la petizione contro il gioco d’azzardo patologico. “Voglio contribuire anch’io a contrastare questo fenomeno che è sempre più diffuso e pericoloso perché rovina le famiglie – ha detto il vescovo ai microfoni di Telelibertà.

Notizia delle 5.00 – Prosegue la mobilitazione provinciale contro il gioco d’azzardo patologico. Dopo l’iniziativa dello scorso fine settimana, in città le parrocchie che aderiscono domani alla campagna di raccolta firme sono: Corpus Domini (10-12.30); Besurica (sabato alla messa delle 18 e domenica dalle 9.30 alle 12.30); Sant’Anna (10.30 -12.30), Santa Franca (10.30-12); Sacra Famiglia (11-12.30), Duomo (11-12.30), Santissima Trinità (10 – 12.30) e chiesa San Giorgio (in via Sopramuro 11.15-12.30).
Si comunica inoltre che negli uffici dei Comuni che già hanno aderito alla mobilitazione (Agazzano, Alseno, Besenzone, Bobbio, Borgonovo, Cadeo, Calendasco, Caorso, Carpaneto, Castell’Arquato, Castelsangiovanni, Castelvetro, Farini, Ferriere, Fiorenzuola, Gazzola, Gossolengo, Gragnano, Lugagnano, Monticelli, Nibbiano, Piacenza, Pianello, Pontedell’Olio, Pontenure, Rottofreno, San Giorgio, Sarmato, Travo, Zerba e Ziano, Caminata e Coli) è possibile continuare a firmare fino alla fine del mese.

Il Comune di Fiorenzuola comunica inoltre che i punti di raccolta per le firme saranno: in piazza Cavour e piazzetta San Francesco (sabato 22 febbraio dalle 8.30 alle 12.30); presso “Fiore per te” ex macello comunale in largo Gabrielli (dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e il martedì dalle 8.30 alle 16.30) e, infine, nell’ufficio elettorale del Comune dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12 e il martedì pomeriggio dalle 15 alle 16.30.

Il presidente della Provincia Massimo Trespidi sarà ancora presente questa mattina al banchetto di raccolta firme, che sarà allestito da Comune e Provincia – dalle ore 9 – sotto i portici del palazzo Ina in piazza Cavalli.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà