Losso a rischio evacuazione. Frana sotterranea: crepano case e la 45

05 Marzo 2014

20140304-193605.jpg

Losso, pochi chilometri da Ottone, si aggrappa alla montagna con tutte le sue forze. Sotto alle case dei residenti – una quindicina in tutto – la terra spacca i pavimenti, crepa i muri e arriva fino alla Statale 45, che riporta, ferita, i primi segni di cedimento: le abbondanti piogge del fine settimana hanno risvegliato una frana ‘sotterranea’ di quindici anni fa, con una fronte di oltre quattrocento metri che occupa tutto il paese. Alcuni cittadini faticano ad aprire le porte nelle abitazioni perché lo smottamento ha alzato le piastrelle e alzato il pavimento. Il sindaco di Ottone, Giovanni Piazza, per tutelare i suoi abitanti, pensa all’evacuazione della frazione.

L’ALLERTA – Lo stato di attenzione attivato dall’Agenzia regionale di Protezione civile terminerà oggi alle 15. Resterà, invece, in vigore fino all’11 marzo l’allerta per criticità idrogeologica su tutto il territorio regionale attivata il 20 febbraio. L’assessore provinciale alla Protezione Civile, Massimiliano Dosi, ha lanciato un appello ai sindaci perché realizzino il prima possibile un Piano di protezione civile comunale: almeno la metà delle amministrazioni, infatti, ne sono ancora sprovviste, nonostante le emergenze crescano di giorno in giorno.
Oggi le testimonianze su Libertà.

20140304-193555.jpg

20140304-193601.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà