Investì un 26enne a Perino. Lo dovrà risarcire con 2 milioni di euro

14 Marzo 2014

tribunale

Cinque anni di reclusione per il conducente dell’auto e due milioni di euro come primo risarcimento per il ferito e i suoi familiari. Parliamo del drammatico incidente stradale avvenuto il 24 agosto del 2012 nell’abitato di Perino. Un giovane di 26 anni era stato travolto da un’auto e si trova tuttora immobilizzato in un letto nell’abitazione di famiglia dopo che per mesi è stato ricoverato in un centro specializzato nel Parmense. Il 29enne alla guida della vettura che lo ha investito è stato giudicato con il rito abbreviato davanti al giudice Giuseppe Bersani. Doveva rispondere delle accuse di lesioni gravissime, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza alcolica. Nelle loro arringhe i legali difensori hanno sottolineato come il comportamento del loro assistito quella sera sia stato del tutto involontario. Il giudice ha successivamente condannato l’imputato a due anni per omissione di soccorso, due anni per le lesioni colpose gravissime e un anno di arresto per la guida in stato di ebbrezza, ha inoltre stabilito un maxi risarcimento dei danni subito esecutivo: due milioni di euro per il ferito e i familiari.
I dettagli sul quotidiano Libertà.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà