Lugagnano, il Pedibus si ispira a quello di Fiorenzuola

14 Marzo 2014

pedibus (3)

Per promuovere il progetto del Pedibus a Lugagnano val d’Arda si sono incontrate l’assessore alla Mobilità del Comune di Fiorenzuola Sara Felloni e l’assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione del Comune di Lugagnano Valeria Tedaldi.
Per apprendere metodi, strumenti e obiettivi i due assessori si sono confrontati sulle buone pratiche e le esperienze già vissute per far giungere anche a Lugagnano la bella opportunità del Pedibus. Hanno concordato le linee programmatiche, le azioni propepedeutiche rinnovando le finalità sostanziali del Pedibus di salute, autononia e benessere psicofisico dei bambini e degli accompagnatori condividendo che la mobilità scolastica rappresenta un’occasione formidabile di riflessione sugli stili di vita in senso lato.
Sottolineato l’importanza della conoscenza e della appartenenza del territorio oltre al rispetto delle cose.
“Il Pedibus – ha osservato l’assessore Felloni – deve essere vissuto come progetto di contrasto alla sedentarietà, di promozione dell’attività fisica con i bambini e bambine della scuola primaria. I ragazzi in particolare devono svolgere una certa quantità di attività fisica definita dall’Osservatorio Mondiale delle Sanità. Il nostro obiettivo deve essere quello di intervenire per accrescere la quantità e la qualità di attività fisica che svolgono o potrebbero svolgere nell’ambito della mobilità scolastica nei percorsi casa scuola. Dovremo chiamare e coinvolgere tutte le energie e le competenze che condividano il progetto: siano essi genitori, volontari, carabinieri e tutte le persone di buona volontà è stata l’dea collettiva”.
L’assessore Felloni e l’assessore Tedaldi hanno concordato l’importanza di ricercare nel territorio i possibili alleati, disposti a collaborare alla realizzazione del progetto di cambiare gli stili di vita di parte della popolazione.
“L’importanza per il nostro Comune di trovare forme alternative all’accompagnamento in macchina da parte delle famiglie – ha spiegato l’assessore Tedaldi – renderà più sicura la zona antistante la scuola, spesso troppo trafficata. Da una prima lettura dei questionari esaminati, inviati alle famiglie sul servizio, emerge un certo interesse per questa proposta, da qui si parte per la realizzazione dell’iniziativa, che prenderà avvio appena organizzati e messi in sicurezza i percorsi. Certamente saranno attivate esperienze pilota nella primavera, che possano aiutare a prendere confidenza con questo nuovo mezzo”.
L’assessore Felloni ha inviato a Lugagnano all’incontro con la popolazione lugagnanese 3 accompagnatori del Pedibus di Fiorenzuola che hanno raccontato la loro esperienza.
Si tratta di 3 carabinieri a riposo: Sandro Dialuce, Rino Russotto e Valter Barbieri, molto apprezzati e convincenti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà