Teatro Serra di Pontenure: servono le donazioni per non farlo “morire”

15 Marzo 2014

FRAMA_50_C

“Salviamo il piccolo teatro Serra, all’interno di Parco Raggio a Pontenure”. L’appello arriva da Roberto Modenesi assessore alla cultura del comune di Pontenure e da Valentina Pacella dell’associazione Crisalidi. Si tratta del più piccolo dei 428 teatri chiusi d’Italia. Può ospitare 50 spettatori e un artista sul palco. Da qui prende il nome di Festival 50+1 la prima rassegna di teatro contemporaneo che l’associazione Crisalidi vorrebbe rappresentare nel piccolo ma incantevole spazio. Per realizzarla è indispensabile l’aiuto dei cittadini che potranno dare il loro contributo con un’offerta dai 2 ai 1.000 euro. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.eppela.com. Sono necessari 4mila euro per promuovere e realizzare il festival. L’associazione utilizzerà il ricavato solo ed esclusivamente per organizzare quattro spettacoli che si terranno il 10, 17, 24 e 31 maggio. Se non si raggiungerà la cifra le donazioni verranno restituite. Ai donatori spetteranno anche dei riconoscimenti. Il Teatro Serra è un vero e proprio gioiellino in stile Vittoriano costruito a fine dell’800 dalla famiglia Raggio. E’ stato ristrutturato 10 anni fa grazie a un contributo del Comune di Pontenure e aspira a diventare punto di riferimento per appuntamenti culturali e non solo, del territorio.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà