Musica nei locali, fibrillazioni in maggioranza sullo stop a mezzanotte

17 Marzo 2014

consiglio-comunale

E’ proseguita durante il consiglio comunale di oggi, tra le critiche dell’opposizione, la discussione sul nuovo Piano strutturale comunale di Piacenza. Ad agitare le acque c’è però anche la volontà di una larga fetta della maggioranza di cambiare alcuni punti fondamentali del Piano di zonizzazione acustica che è allegato al Psc. In particolare molti consiglieri del Pd e delle civiche vogliono una maggiore elasticità sugli orari di stop notturno a concerti e musica nei locali, ad esempio allungandolo da mezzanotte fino alle 2. Altro punto critico è rappresentato dalla tempistica di autorizzazione degli eventi: 45 giorni di preavviso sono ritenuti troppi.

Entro mercoledì dovrebbero quindi essere depositati alcuni emendamenti in tal senso; il confronto con la giunta non appare agevole (anche se alcuni assessori sarebbero d’accordo con l’allungamento degli orari), ma una soluzione dovrà essere trovata in seno al centrosinistra, visto che gli emendamenti potrebbero comunque passare con il voto dell’opposizione, aprendo così un caso politico.

Il consiglio comunale di oggi si è aperto con il ricordo di Gian Paolo Binelli e Vito Neri, recentemente scomparsi. Il tema-asili ha tenuto ancora banco in sede di comunicazioni: Tommaso Foti di Fratelli d’Italia ha apprezzato la posizione dell’amministrazione di rafforzare il rapporto con il privato sociale, ma ha invitato anche a tenere conto del progetto tagesmutter. “Verificheremo anche i risultati avuti dalla Provincia – ha replicato il sindaco Paolo Dosi – nel frattempo ribadisco che il controllo del Comune sugli asili e sulla qualità dei servizi non verrà mai meno”. Anche quest’ultimo tema, però, crea qualche mal di pancia in maggioranza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà