Nidi: mamme e operatori preoccupati: “Vogliamo certezze sul futuro”

26 Marzo 2014

20140326-231323.jpg

Incontro pubblico dai toni accesi in Sant’Ilario sul tema della gestione del servizio dei nidi a Piacenza. Da una parte l’assessore al nuovo Welfare Stefano Cugini che ha cercato di rassicurare la platea: “Non vogliamo né stravolgere né annullare il sistema pubblico dei servizi educativi dei nidi”. La perplessità sul futuro dei nidi è nato dalla notizia della chiusura del Vaiarini per motivi di sicurezza. Una quota di quei 40 posti sarà infatti ridistribuita al privato sociale accorciando il divario percentuale fra posti disponibili nei nidi a gestione diretta e quelli gestiti dal privato sociale. Dal pubblico sono state numerose le domande rivolte agli assessori presenti, sulla qualità del servizio. Molte mamme si sono dette preoccupate per il futuro dei propri figli. L’assessore alle politiche scolastiche Giulia Piroli ha dichiarato: “E’ nostra intenzione ricostruire la Vaiarini perché si trova in una zona della città maggiormente scoperta”. I bambini iscritti al sistema integrato sono 632, 383 quelli iscritti nei nidi a gestione diretta. Durante l’incontro sono intervenute anche le parti sociali che si sono definite preoccupate per gli operatori degli asili nido: la prospettiva al 2019 è quella di averne 37.

20140326-231126.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà