Avis, donatori in crescita e fabbisogno raggiunto. “I furti ci danneggiano”

29 Marzo 2014

Avis (3)

Quaranta sezioni comunali nel Piacentino, 9.336 soci di cui 9.073 soci donatori, in costante crescita negli ultimi anni: il bilancio 2013 dell’Avis di Piacenza ha raggiunto i traguardi prefissati, tra cui il più importante, ovvero l’autosufficienza di sangue e plasma sul territorio locale.
I dati sono stati illustrati oggi nel corso della 58esima assemblea provinciale dell’associazione, in corso nell’aula magna del campus Raineri-Marcora, dove sono state presentate le future iniziative per sensibilizzare i ragazzi delle scuole sul tema della donazione.

“Nonostante le grandi novità organizzative, come la variazione dei punti di raccolta e la chiamata centralizzata, siamo riusciti a coprire pienamente i consumi – ha spiegato la presidente Laura Bocciarelli -; in un anno sono state fatte 13.974 donazioni di sangue, ma l’autosufficienza è un valore dinamico ed è importante indirizzare al meglio le attività”.

Bilancio positivo anche per il dr. Agostino Rossi: “Abbiamo raccolto 11.961 unità e 1.762 sono state cedute al Centro Regionale Sangue, per poi essere indirizzate dove vi è maggiore necessità” ha raccontato il responsabile del Centro trasfusionale.

Negli ultimi giorni le sedi Avis della provincia sono state nel mirino dei ladri, che in tre occasioni hanno rubato i computer portatili dell’associazione: “Non capisco cosa se ne facciano, sono oggetti che non hanno quasi valore commerciale, ma per noi è una perdita di dati e lavoro che ci danneggia” ha concluso con amarezza la presidente Bocciarelli.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà