Jon Jon Sabau, è il momento della verità. Assalto a Tyron Zeuge per il mondiale

02 Aprile 2014

Jon Jon Sabau stende un avversario sul ring

Jon Jon Sabau stende un avversario sul ring

Sta per scoccare l’ora di Gheorghe Jonut Sabau: il 22enne pugile rumeno, ma piacentino d’adozione (dopo l’estate dovrebbe arrivare anche la nazionalità italiana) e cresciuto dalla Salus et Virtus, sabato prossimo alla Stadhalle di Rostock, in Germania, va all’assalto al titolo mondiale dei supermedi WBO Youth, riservato ai pugili under 24. Se la vedrà con il detentore del titolo, il tedesco Tyron Zeuge che, come l’allievo di Giordano Mosconi, è ancora imbattuto.

Pugile tecnico ma che anche dal punto di vista fisico rappresenta ostacolo decisamente ostico, il tedesco è il volto nuovo del pugilato germanico e dunque, per “Jon Jon” Sabau, la prima uscita internazionale è ad altissimo rischio. Un rischio che Sabau sa di dover correre: per l’atleta appartenente alla colonia di Mario Loreni, l’obiettivo è quello di accendere la miccia di una carriera tra i professionisti che promette assai bene. Soltanto Saiani, ai Giochi del Mediterraneo, riuscì a portare a Piacenza, nel 2006, un titolo internazionale. Ora tocca al “puledro” di casa Salus tentare la scalata nella boxe che conta.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà