Giardino abbandonato in via Codagnello, protestano i residenti

18 Aprile 2014

giardini di via Codagnello (21)-800

Un angolo verde, con alberi da frutto, fiori e rose, nato come giardino didattico della scuola di San Lazzaro e tristemente abbandonato a se stesso. Il giardino di proprietà del Comune, intitolato agli insegnanti Anna e Gianpaolo Torre, ha sempre abbellito via Codagnello. Nell’ultimo anno però la situazione sembra essere cambiata. Secondo i residenti e i titolari di attività della zona, l’area sarebbe stata chiusa prima dell’adunata degli alpini per impedire che venisse utilizzata per gli accampamenti. Da allora però nessuno avrebbe più riaperto il cancello, impedendo la manutenzione del giardino con la conseguente crescita delle erbacce.
Quelle che superavano la recinzione sono state tagliate dagli stessi residenti, preoccupati che vi si potessero nascondere i ladri: stando ai loro racconti, attività e abitazioni della via non sono mai state risparmiate dalle sgradite visite. L’appello affinché si intervenga va all’indirizzo del Comune: la richiesta è che quest’angolo verde possa venire utilizzato dai cittadini.

È stato informato l’assessore all’ambiente Luigi Rabuffi che si è impegnato a Telelibertà: “Interverremo la prossima settimana – ha annunciato – è un’area che richiede un trattamento particolare proprio per la presenza degli arbusti. Stiamo valutando anche nuovi utilizzi di questo spazio, che potrebbe prestarsi sia per gli orti urbani che per lo sgambamento dei cani”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà