Tangenziale di S. Polo, il ministro Lupi risponde a De Micheli (Pd): “Tempi stretti”

26 Aprile 2014

Tangenziale san Polo incompleta, lavori interrotti
Tangenziale di S. Polo-S. Giorgio, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi risponde all’interrogazione presentata dalla vicepresidente vicario del gruppo del Partito Democratico alla Camera Paola De Micheli. Nella sua richiesta, la parlamentare piacentina si era fatta portavoce delle istanze del territorio e dei comuni interessati per sollecitare l’affidamento dell’autostrada A21 Piacenza-Brescia, e una soluzione che garantisse la ripresa rapida dei lavori.

“Il lavori della tangenziale sono fermi – ricorda la parlamentare piacentina – perchè subordinati alla concessione pubblica dell’autostrada A21 ormai scaduta, una vicenda che ha comportato la riproposizione della procedura di gara e il conseguente congelamento dei lavori, in attesa del pronunciamento del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) in merito allo schema di convenzione ed al piano finanziario”.

Nella sua risposta, il Ministro Lupi fa notare che “il nuovo schema di convenzione e il relativo piano economico finanziario sono tuttora all’esame del Cipe, e che a seguito dell’approvazione sarà possibile procedere agli adempimenti per la conclusione della gara e dell’affidamento al nuovo concessionario”. “Voglio rassicurare l’onorevole De Micheli – continua la risposta del Ministro – che, ad avvenuta approvazione del Cipe, si procederà celermente alla prosecuzione e conclusione del procedimento di gara, per la quale come è noto è stata già conclusa la fase di prequalifica”.

“Lo schema di convenzione e l’annesso piano economico finanziario – ha precisato il Ministro – sono stati redatti dalla competente Struttura di Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali in più fasi, tenendo conto delle osservazioni formulate dai competenti Uffici del Ministero dell’economia e delle finanze. Informo al riguardo che le osservazioni attenevano, in particolare, al requisito di bancabilità del Piano. Inoltre, solo nel dicembre 2013 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera Cipe in materia di requisiti di solidità patrimoniale delle concessionarie autostradali, documento necessario per concludere l’iter di approvazione da parte del Cipe”.

“Con la sua risposta – commenta Paola De Micheli – il Ministro ha chiarito il complicato iter che ha dovuto subire in questi mesi la pratica connessa al cantiere della tangenziale, un’opera importante per il territorio piacentino che non può più essere rinviata. Ho ricevuto altresì garanzie sulla massima celerità dell’esame della pratica da parte del Cipe, perchè si possa giungere il più rapidamente possibile allo sblocco dei lavori e alla loro prosecuzione, per ultimare un’opera infrastrutturale attesa troppo a lungo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà