Festa del primo maggio, manifestazione dei sindacati: “Crisi terrificante”

28 Aprile 2014

foto (3)

“Sono dati terrificanti quelli della crisi a Piacenza nel 2014”. Parte da questa considerazione il Primo Maggio piacentino, presentato da Gianluca Zilocchi (Cgil), Massimiliano Borotti (Uil), Ivan Bersani (Cisl).
Il mattino del Primo Maggio è previsto il tradizionale corteo con partenza alle ore 9,30 da barriera Genova, accompagnato dalla Banda Ponchielli, che arriverà in piazza Cavalli dove dal palco allestito si sentiranno 4-5 testimonianze di lavoratori e lavoratrici impiegati nei settori più colpiti dalla crisi. Dalla Sandvik ad Rdb, passando pre precari e disoccupati ultracinquantenni.
Il comizio ufficiale sarà affidato a Gianluca Zilocchi, neo segretario della Cgil piacentina che parlerà a nome dei sindacati confederali. Prima della partenza del corteo, intorno alle 8,30, i rappresentanti dei lavoratori porteranno un omaggio al monumento dedicato ai caduti sul lavoro nell’omonima strada alla Farnesiana.

“A livello occupazionale siamo nella situazione peggiore che ha mai toccato Piacenza – hanno premesso i sindacati ieri – i Dati dell’osservatorio provinciale sul mercato del Lavoro sono terrificanti. Gli ingressi in disoccupazione nel 2014 sono stati 8.300, con un incremento del 4% dall’anno precedente, così come del 29% è aumentata la cassa integrazione straordinaria, che è l’ultimo strumento prima di un salto nel buio. Finito questo strumento non c’è altro tipo di ammortizzazione sociale per gestire gli stati di crisi”.
Anche per la Cassa integrazione in deroga, strumento utilizzato per le piccole e medie aziende, “abbiamo visto un aumento del 42%”. Su questo i sindacati hanno sottolineato ancora le “forti preoccupazioni denunciate anche al prefetto in una recente manifestazione: il Governo non ha emanato i decreti per finanziare la cassa in deroga, rischiamo di arrivare a giugno con migliaia di lavoratori piacentini senza un reddito. Se il Governo non emana i decreti si rischia il tracollo definitivo della nostra economia”.
Sul futuro Borotti, Zilocchi e Bersani parlano del bisogno “di svolta profonda, dobbiamo creare lavoro. Basta politiche industriali che guardano al giorno dopo senza darsi un progetto industriale di lungo respiro. Il lavoro – hanno detto i confederali – si crea con l’accesso al credito delle imprese, non puntando sempre e solo sui temi del costo lavoro e della precarietà”.
Come da tradizione, il “Primo Maggio” vivrà la sua appendice non meno importante a Monticelli d’Ongina, dove è previsto il comizio di Marina Molinari, segretaria Cisl.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà