Acqua bene comune, quattro domande ai candidati sindaco

29 Aprile 2014

20140429-231156.jpg

Il comitato Acqua bene comune ha inviato la richiesta a tutti i candidati sindaci di esprimersi in merito alla gestione di acqua e rifiuti.

Le domande sono:

1. Sei disposto a sostenere la proposta di realizzazione di un serio progetto di fattibilità per una gestione completamente pubblica del Servizio Idrico Integrato e del Servizio rifiuti, come richiesto anche da un odg del consiglio comunale di Piacenza (approvato il 10.02.2014) e da un appello sottoscritto da 23 Sindaci e Amministratori del territorio provinciale?

2. Ti impegneresti a sostenere la costituzione di una società dei comuni interamente pubblica, controllata dai consigli comunali, dai lavoratori e dai cittadini, che gestisca in proprio acqua, depurazione e rifiuti, libera da profitti, in ossequio agli esiti del referendum del giugno 2011?

3. Saresti d’accordo a proporre di inserire nello Statuto del tuo Comune i principi relativi all’acqua bene comune e diritto umano essenziale ed universale?

4. Pretenderai dal tuo gestore del servizio rifiuti il raggiungimento, se non anche il superamento, degli obiettivi del nuovo Piano Regionale dei Rifiuti? Sei d’accordo sulla necessità di ridurre gradualmente il ricorso al termovalorizzatore e di non importare da fuori provincia ulteriori rifiuti da incenerire, vista la già preoccupante situazione dell’aria nella nostra provincia?

ACQUA BENE COMUNE – Comunicato Stampa

© Copyright 2021 Editoriale Libertà