Area ex Acna, via a un anno di controlli su aria e falde acquifere

02 Maggio 2014

ex Acna

Ex Acna, aria e falde acquifere saranno osservate speciali per un anno. Il Comune ha assegnato alla cordata composta delle imprese Beta e Comie l’esecuzione del Piano di monitoraggio stabilito nei mesi scorsi dalla Conferenza dei servizi che aveva approfondito i risultati delle analisi a campione effettuate dalle stesse due ditte.
La caratterizzazione aveva dato esiti rassicuranti per quanto concerne l’inquinamento dell’area di porta Borghetto che ospitava la fabbrica di vernici, con questo ulteriore passaggio si vuole avere la certezza che i rischi ambientali sono quasi assenti.
La cordata riceverà dall’amministrazione 40mila euro, il monitoraggio dell’aria durerà un anno, mentre quello del sottosuolo tre anni, tenendo presente che la falda acquifera non è quella che alimenta i rubinetti della zona.
I residenti del quartiere, quindi, vedranno nelle prossime settimane operai e tecnici in azione, sia per sistemare 4 nuovi piezometri (che si aggiungeranno a quelli già presenti per il controllo del terreno), sia per rimuovere parte dei teli che oggi coprono l’area.
Al termine del periodo di monitoraggio il Comune avrà in mano tutti gli elementi per conoscere lo stato di salute dell’ex Acna e per capire quanto potrà costare un’eventuale bonifica. Il cui ammontare, però, dipenderà da quello che ci si vorrà e potrà realizzare. In questo caso molto dipenderà dalla fine del contenzioso legale in corso con i privati proprietari di parte dell’area.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà