Furti al deposito Seta: rinforzi al sistema di sorveglianza, attive nuove telecamere

10 Maggio 2014

Emettitrici scassinate nel deposito Seta

Emettitrici scassinate nel deposito Seta

Cinque furti nel giro di un anno, l’ultimo messo a segno il giorno di Pasquetta, quando ignoti si sono introdotti nel deposito cittadino di via Arda prendendo di mira le emettitrici degli autobus: una lunga serie di blitz a cui Seta ha deciso di rispondere implementando il sistema di sorveglianza del deposito e installando nuove telecamere.

I danni subiti negli ultimi 12 mesi sono ingenti: almeno un centinaio le emettitrici scassinate dai ladri per prelevare le monetine custodite all’interno, numerosi i pullman messi temporaneamente fuori servizio, con l’obbligo di provvedere alle spese di riparazione dei mezzi, ben più onerose rispetto al bottino finito nelle tasche dei malviventi.

Il sistema di vigilanza notturna, attivato a ottobre scorso proprio per mettere fine alle incursioni, da inizio maggio è stato rafforzato dall’installazione di numerose videocamere, situate lungo tutto il perimetro del deposito e direttamente collegate agli addetti alla sicurezza, in modo da intervenire più tempestivamente in caso di furto.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà