Invasione di sciami di api in città, colpa del caldo. L’esperto: “Non c’è pericolo”

28 Maggio 2014

20140528_150216_resized (1)

Imbattersi in uno sciame di migliaia di api fa un certo effetto, ma a detta dell’esperto è un fenomeno del tutto naturale e quasi privo di rischi: dopo le invasioni dei laboriosi insetti, segnalate negli ultimi giorni in città, abbiamo chiesto al dottor Matteo Anaclerio, entomologo della Facoltà di Agraria, scienze naturali e ambientali dell’università Cattolica, a cosa è dovuta questa improvvisa migrazione e quali pericoli comporta. “Il caldo degli ultimi giorni ha senz’altro favorito lo spostamento degli sciami, costretti ad abbandonare gli alveari per la temperatura troppo elevata – ha spiegato l’esperto -; scelgono una meta casuale dove “fare sosta” prima di trovare un nuovo posto dove fermarsi”.
Solo negli ultimi 7 giorni si sono verificati ben 3 casi a Piacenza: uno sciame è stato rimosso in via Scalabrini, un altro da una bicicletta parcheggiata in Piazza Cavalli e ieri sera via Montebello è stata chiusa al traffico a causa dell’invasione di migliaia di insetti. “Non bisogna allarmarsi – ha proseguito l’entomologo -; le api quando sciamano fanno scorta di miele, il che rende per loro molto difficile estrarre il pungiglione, quindi sono innocue”.
Se i cittadini s’imbattono in uno sciame la cosa migliore da fare è avvertire un apicoltore, in grado di rimuoverle in tutta sicurezza.

Invasione di sciami di api in città, tre casi negli ultimi giorni. Ieri punte tre persone
E’ tornato tutto alla normalità in via Montebello dove ieri alle 19 i residenti hanno chiamato allarmati la polizia per una vera e propria invasione di api. Erano migliaia e si è reso necessario l’intervento degli agenti e la chiusura della via per oltre un’ora. Alla fine, nonostante l’intervento di un esperto, le api sono state uccise con un potente veleno. Avevano “aggredito” almeno tre persone che hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. Per fortuna senza riportare gravi conseguenze. Salgono così a tre i casi di invasione di api segnalati negli ultimi giorni.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà