Tasi, due ore di coda al Caaf Cgil. “Attese 9mila persone entro il 16 giugno”

05 Giugno 2014

20140605-184947.jpg

In coda per poter pagare le tasse. Una beffa per i cittadini che da un paio di giorni hanno preso d’assalto i centri fiscali di città e provincia.

Oltre alla presentazione dei modelli 730 i contribuenti hanno affollato gli uffici per il calcolo della Tasi, la nuova tassa Tassa sui Servizi Indivisibili, che riguarda i servizi comunali rivolti alla collettività, come ad esempio la manutenzione stradale o l’illuminazione comunale.

La voglia di parlare dei cittadini alle telecamere è inversamente proporzionale alla loro arrabbiatura per il pagamento della tassa e la difficoltà per il calcolo della stessa. “Abbiamo stimato l’arrivo di 9mila persone entro il 16 giugno – sottolinea Massimo Quagliaroli, responsabile del Caaf Cgil – in mattinata c’è anche chi ha aspettato due ore per una pratica di 10 minuti, comprendiamo l’arrabbiatura ma siamo solo 15 addetti e siamo in difficoltà”.

La scadenza della prima rata è fissata per il 16 giugno per 13 comuni piacentini compreso il capoluogo.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà