Colletta alimentare, sabato 14 giugno raccolta straordinaria in 35 supermercati

10 Giugno 2014

colletta alimentare

I fondi per la povertà sono stati stanziati dall’Unione Europea ma per lungaggini burocratiche non si sa quando arriveranno. Chi ha fame, però, non può aspettare i tempi delle istituzioni ed è per questo che la Fondazione Banco Alimentare ha deciso di raddoppiare la raccolta viveri da destinare alle persone in difficoltà. Per la prima volta, il tradizionale appuntamento di fine novembre viene proposto anche a primavera inoltrata.

Sabato 14 giugno in 35 supermercati piacentini sarà possibile consegnare ai 600 volontari, dislocati tra città e provincia, alimenti non deperibili come ad esempio pasta, olio, carne in scatola, prodotti per bambini. I destinatari sempre di più sono persone che fino a qualche anno fa non avevano problemi economici, ma la crisi ha portato via loro il lavoro e la possibilità di mantenere la famiglia.

“Se vedete un ragazzino con il cellulare ultramoderno non lasciatevi ingannare, a volte glielo comprano per integrarlo nel gruppo, ma in casa non hanno da mangiare”. A raccontare l’aneddoto è Piero Scarabelli del Banco di Solidarietà che ogni mese bussa alla porta delle persone inserite nella lista e consegna loro il pacco viveri. “Consegniamo il cibo ma offriamo anche conforto e amicizia, ormai li vediamo ogni mese”. “L’obiettivo – spiega Daniele Buscarini presidente del Banco Alimentare di Piacenza – è quello di raccogliere circa 400 quintali di alimenti, normalmente a fine novembre ne raccogliamo 700 ma in questo periodo sappiamo che la gente va in vacanza e magari sabato non è a casa”. La raccolta sarà destinata a 24 associazioni piacentine. All’iniziativa collabora l’Associazione alpini che metterà a disposizione 170 uomini.

Colletta alimentare straordinaria

© Copyright 2021 Editoriale Libertà