Degrado notturno in stazione, c’è anche chi dorme tra i binari

12 Giugno 2014

degrado stazione

“Ormai la stazione ferroviaria è diventata il rifugio notturno per tutti i disperati di Piacenza, è sempre più pericolosa”. Sono i lavoratori delle Ferrovie a lanciare l’allarme, stanchi e preoccupati di operare in condizioni davvero difficili: non appena cala il sole, la zona si popola di facce poco raccomandabili, persone che non hanno altro luogo dove andare a dormire e che con l’arrivo della stagione calda si stanno moltiplicando. “In inverno – spiega un dipendente Fs – trovavamo qualcuno che per ripararsi dal freddo passava la notte sui convogli, ma da qualche settimana queste persone, spesso ubriache e minacciose, sono notevolmente aumentate e c’è chi addirittura dorme all’aria aperta”.

C’è poi il caso Ferrhotel, rimasto, nonostante gli sgomberi e i tentativi di “blindatura”, la meta preferita per chi non ha una casa. La convivenza con i vicini uffici della stazione non è semplice: qualche mese fa una perdita d’acqua che aveva fatto gonfiare i muri in comune, è di ieri la manomissione di un contatore elettrico che serviva anche un ufficio delle Ferrovie, rimasto senza corrente per tutto il pomeriggio.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà