Lavoro: 56 assunzioni finanziate dal fondo per inserire lavoratori a rischio

24 Giugno 2014

lavoro femminile (1)-800

Sono complessivamente 56, per un valore totale di circa 237mila euro, le richieste di contributo – relative all’assunzione di altrettanti lavoratori e lavoratrici – finanziate tramite il fondo per “Interventi a sostegno dell’inserimento e del reinserimento professionale di lavoratori a rischio di espulsione – esclusione dal mercato del lavoro” relativo al periodo 2013-2014.

E’ scaduto infatti nei giorni scorsi il bando, giunto alla terza edizione, che prevede contributi destinati a datori di lavoro privati titolari di partita Iva che assumono o trasformano contratti a tempo indeterminato. Le risorse – messe a disposizione da Provincia (145.477,75 euro), Comune di Piacenza (41.500 euro) e Camera di Commercio (50mila euro) – sono rivolte a: lavoratrici e lavoratori in stato di disoccupazione di età pari o superiore ai 50 anni e lavoratrici di età superiore a 35 anni e lavoratori di età superiore ai 45 anni in possesso di determinati requisiti (stato di disoccupazione da almeno 12 mesi, iscrizione alle liste di mobilità senza diritto all’indennità di mobilità e lavoratori licenziati a seguito della piccola mobilità e lavoratori in cassa integrazione straordinaria anche in deroga).

Dei 56 lavoratori inseriti in imprese con tali agevolazioni: 20 risultano essere lavoratori/lavoratrici con un’età anagrafica superiore a 50 anni e in stato di disoccupazione al momento dell’assunzione/trasformazione; 27 provengono da mobilità senza diritto all’indennità di mobilità e con un’età anagrafica superiore a 35 anni per le donne e 45 anni per gli uomini; 7 risultano essere disoccupati da almeno 12 mesi al momento dell’assunzione/trasformazione; 2 risultano essere lavoratori in Cigs.

La prima edizione del fondo, nel 2009-2010, ha finanziato – lo si ricorda – 85 domande; la seconda edizione, nel 2010-2011, ha portato all’assunzione di 81 lavoratori da parte di 66 imprese.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà