Bilancio di previsione 2014: incognita Tasi per far quadrare i conti

26 giugno 2014

20140626-085958.jpg

La giunta oggi licenzia il bilancio di previsione 2014 che poi approderà in consiglio comunale per l’approvazione definitiva entro luglio come previsto dal governo. Il bilancio è stato presentato ieri sera alle consulte in un incontro in Sant’Ilario. All’appello mancavano nei giorni scorsi 2,5 milioni di euro. Sono stati recuperati con altri tagli che hanno coinvolto tutti gli assessorati.

Il Comune quest’anno avrà quasi 8 milioni di euro di miglioramento come saldo tra entrate e uscite e la Regione ci metterà 2,4 milioni di euro, che andranno però restituiti. Ci sono normative fiscali come la Tasi su cui grava l’incertezza in termini di gettito: potrebbe essere minore rispetto a quanto stimato. Le entrate attese dalla Tasi nel 2014 sono di 10,6 milioni di euro. Dovrebbero finanziarie i servizi indivisibili forniti dal Comune che, d’altra parte, nel 2013 hanno comportato una spesa di 16,7 milioni, dunque la copertura è pari a solo i due terzi del fabbisogno.
Restano invariate l’addizionale Irpef, l’imposta sulla pubblicità e anche i servizi a domanda individuale i cui proventi, pari a 5,6 milioni di euro, sono poco più della metà (57,25%) dei costi (9,8 milioni), con differenza a carico delle casse comunali.
A fronte di entrate correnti che nel 2013 sono state di 106 milioni di euro, la previsione per quest’anno ammonta a 108 milioni, cifra comprensiva della Tari. Altri dettagli sul quotidiano Libertà oggi in edicola.

20140626-090028.jpg

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE