Piacenza “invecchia”: 200 anziani ogni 100 giovani. Bisogni in aumento

11 Luglio 2014

anziani

Piacenza è sempre più “anziana”. Sono 25.291 le persone che superano i 64 anni, di queste 12 mila oltrepassano i 74 anni. La fotografia, scattata dall’ufficio servizi sociali del Comune di Piacenza gestito dal dirigente Luigi Squeri, mostra come la nostra città stia sempre di più “invecchiando” e abbia bisogno di maggiori attenzioni verso una popolazione dai capelli bianchi che continua a crescere. Per la precisione parliamo di quasi 200 anziani ogni 100 giovani (0 ai 14 anni). La media italiana è di 144 anziani ogni 100 giovani. Gli anziani a Piacenza rappresentano il 24,4% della popolazione, contro il 22,80% della media regionale. La provincia di Piacenza ha un indice di dipendenza senile secondo soltanto a Ferrara. Una situazione demografica che pone con forte rilevanza il tema dei bisogni espressi dagli anziani non autosufficienti e dalle loro famiglie. I servizi pubblici sono cresciuti in questi anni ma coprono una percentuale del bisogno stimato non superiore al 30%. Sono circa 400 i posti disponibili nelle case di riposo, il 3,11% della popolazione ultra 75enne (la media regionale è il 2,7%). Il Centro Diurno conta 55 posti. Gli anziani che beneficiano di assegni di cura sono circa 350. Novanta mila sono le ore di assistenza domiciliare erogate all’anno. Circa 300 persone (anziani soli) beneficiano del programma di sostegno delle reti sociali e di prevenzione della fragilità (servizio di quartiere) con prestazioni “leggere” come l’accompagnamento nelle commissioni, la compagnia, il monitoraggio delle condizioni di vita. Per tutti i servizi ci sono significative liste di attesa.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà