Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale. “Il Comune venda la partecipazione in Iren”

5 settembre 2014

iren-gruppo-2

La situazione economica di Iren, alla luce dell’andamento del primo semestre del 2014, è oggetto di un’interrogazione al sindaco Dosi dei consiglieri comunali Foti e Opizzi, che evidenziano come “rispetto al pari periodo del precedente anno, i ricavi sono diminuiti di 270 milioni di euro, il margine operativo lordo si è ridotto di 27 milioni, l’utile netto cala di oltre 36 milioni di euro, mentre l’indebitamento cresca di circa 30 milioni di euro, nonostante gli oltre 152 milioni generati dalle attività operative”.

I consiglieri di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale aggiungono che “negli ultimi tempi, si è diffusa la voce di una possibile sostituzione dell’amministratore delegato della società (Nicola De Sanctis) o di un suo commissariamento, che verrebbe affiancato da un comitato esecutivo cui spetterebbe il compito di tradurre in fatti le decisioni del consiglio di amministrazione”.

Foti e Opizzi, dopo avere richiamato le notizie di stampa secondo cui in una riunione dei giorni scorsi “i principali azionisti di Iren (i sindaci di Torino, Genova e Regio Emilia), hanno convenuto sull’opportunità di rafforzare le sue strategie di espansione territoriale e di aggregazione con altri operatori”, sottolineano come “una siffatta prospettiva non solo farà contare ancora meno, rispetto a quel niente che conta, l’azionista Comune di Piacenza, ma ne conferma l’irrilevanza rispetto alle strategie decisionali di Iren”.

Dopo avere ricordato che “in un recente dibattito in consiglio comunale i consiglieri di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale hanno invitato il Sindaco Dosi “a valutare l’opportunità di dismettere la partecipazione del Comune di Piacenza in Iren”, Foti e Opizzi ritengono “significativa la decisione del Comune di Bologna di vendere 7,5 milioni di azioni detenute in Hera, che ha prodotto un’entrata nel bilancio comunale di 15,2 milioni da destinare alla realizzazione di opere pubbliche”.

Ciò premesso, i consiglieri chiedono al Sindaco Dosi “se preferisce continuare a mantenere la partecipazione azionaria in Iren, per assicurare la presenza negli organi sociali a due o tre persone da lui indicate, o se conviene sull’utilità per il Comune di Piacenza di avviare l’iter amministrativo per la cessione – in tutto o in parte – della partecipazione stessa”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca