Polizia municipale, torna lo stato di agitazione: soffia vento di sciopero

9 settembre 2014

Polizia Municipale volantinaggio Sulp-Ugl

Si è concluso con un nulla di fatto l’incontro di questa mattina in prefettura tra i sindacati della polizia municipale e l’amministrazione comunale. In particolare Sulpl e Ugl si sono detti insoddisfatti delle risposte ottenute dal Comune, quindi hanno deciso di riattivare lo stato di agitazione (temporaneamente sospeso nelle scorse settimane) e di indire per lunedì un’assemblea del personale al Comando di via Rogerio. “La mediazione del viceprefetto Faillaci è stata eccezionale – spiegano i rappresentanti delle due sigle sindacali – ma l’amministrazione si è dimostrata ancora chiusa alle nostre richieste, che riteniamo sacrosante e che ribadiamo ormai da due anni. Pretendere una migliore organizzazione dei turni, il riconoscimento degli straordinari e l’aumento dell’indennità di Pubblica sicurezza, che è al minimo contrattuale, ci pare il minimo, visto il lavoro fondamentale e sempre più pericoloso che ogni giorno svolgiamo”.

Nel corso dell’assemblea di lunedì prossimo, sostenuta da un centinaio di firme di agenti di via Rogerio, i due sindacati chiederanno il mandato per mettere in campo una serie di iniziative sindacali. Iniziano a soffiare anche venti di sciopero.

“Sinceramente siamo rimasti spiazzati dall’iniziativa dei due sindacati autonomi – commenta l’assessore Luigi Gazzola – perché a giugno avevamo deciso assieme a tutte le sigle sindacali di riprendere la trattativa generale che avevamo in corso, discutendo dunque delle questioni relative a tutto il personale. E’ la ragione per cui Cgil, Cisl e Uil non si sono fermate all’incontro in prefettura, in attesa di quello più ampio che inizierà la prossima settimana. In ogni caso voglio precisare che non abbiamo detto no ad alcuna richiesta, proprio perché la trattativa complessiva per noi è ancora in atto”.

Il comunicato sindacale

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE