Edilizia, la crisi non molla. A Piacenza l’86% in meno di richieste per costruire

29 settembre 2014

cantiere

La crisi dell’edilizia in Italia non cenna a diminuire e le richieste di autorizzazione alla realizzazione di nuove costruzioni è in picchiata rispetto agli anni pre-recessione.

A Piacenza il numero di permessi di costruire ritirati nel 2012, ogni 10.000 abitanti, è stato di 10,4, con una variazione del -86,4% rispetto al 2005. Il dato piacentino è decisamente superiore alla media nazionale, che si attesta al -70%, collocando la nostra città al non lusinghiero ottavo posto della classifica dei capoluoghi di provincia. Al primo posto è Ferrara (-93%), all’ultimo, in controtendenza, Genova, con un +1,3%.

E’ quanto emerge da una indagine pubblicata oggi sul Sole 24 Ore, nella quale si legge che a scoraggiare ulteriormente le imprese nell’avviare nuove iniziative immobiliari e nuovi cantieri non è solo il trend negativo delle compravendite immobiliari, ma sono anche le procedure, i tempi e i costi dell’edilizia.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE