Paola De Micheli inaugura il Salone nautico: “Lavoriamo per il rilancio di un settore chiave del made in Italy”

1 ottobre 2014

Paola De Micheli al Salone Nautico di Genova

La vicepresidente vicario del gruppo Pd alla Camera dei Deputati Paola De Micheli ha preso parte all’inaugurazione del 54esimo Salone Nautico Internazionale di Genova, la prima vetrina italiana della nautica made in Italy, in programma fino al 6 ottobre.

Dopo la cerimonia inaugurale, alla presenza del ministro delle Infratrutture e Trasporti Maurizio Lupi e del viceministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda, Paola De Micheli ha preso la parola nel corso del primo convegno del Salone, dedicato a “L’Economia della Nautica”, davanti ai principali rappresentanti dell’industria nautica italiana e a Massimo Perotti, il presidente di Ucina.

“In Parlamento il Partito Democratico, in accordo con i Ministeri competenti – ha sottolineato Paola De Micheli – ha messo in campo una serie di provvedimenti importanti per la nautica. Finalizzati a contrastare la crisi degli ultimi anni e a un rilancio complessivo del settore: siamo finalmente arrivati all’istituzione del registro nautico e la mia proposta di legge per agevolare i marina resort è stata recepita nel decreto ‘Sblocca Italia’”.

“Il Partito Democratico lavorerà senza tregua – ha aggiunto – per proseguire questa complessa opera di rilancio, che è appena cominciata. Il comparto del lusso e del bello è una parte fondamentale della nostra industria, voi siete produttori di ricchezza e di posti di lavoro per il Paese. Per questo ci sforzeremo di reperire le coperture finanziarie per supportare il progetto di made in Italy, stabilizzare le risorse per i marina resort, ed intervenire sullo strumento del leasing”.

La De Micheli ha anche citato il caso di Gropparello, in provincia di Piacenza, che ha subito pesantemente la crisi della nautica, con la dismissione dello stabilimento Atlantis da parte della proprietà Azimut Benetti. “Lo sforzo per restituire una prospettiva a quel sito produttivo – ha affermato – non si è interrotto, anche perchè c’è una comunità che, nonostante le difficoltà, non perde la sua voglia di riscatto”.

Al termine del convegno, il presidente Perotti di Ucina, ha ringraziato ripetutamente gli esponenti del Governo e del Parlamento presenti, come esempio di una politica dei fatti concreti e degli impegni rispettati.

 

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca