Flash mob contro la caccia alle volpi: una busta gigante per la Provincia

20 dicembre 2014

Flash mob volpi (6)-800

“C’è posta per… il presidente della Provincia, Francesco Rolleri”. Il curioso flash mob andato in scena questo pomeriggio nell’affollatissimo corso Vittorio Emanuele ha “scimmiottato” il noto programma televisivo “C’è posta per te”, con tanto di postino arrivato da piazza Cavalli per chiedere ai cittadini di mettere in una gigantesca busta gialla tutte le 11.600 firme raccolte lo scorso anno con l’obiettivo di ottenere lo stop al piano di contenimento di oltre duecento volpi: riaperta sul posto la raccolta firme, in venticinque minuti sono state raccolte altre trecento adesioni spontanee di cittadini pronti a dire, dal centro cittadino, “Giù le mani dalle volpi”. Il presidente Rolleri nei giorni scorsi aveva ricevuto il coordinamento delle associazioni animaliste e ambientaliste ma ancora non si è pronunciato sulla richiesta di bloccare gli spari.

“È da almeno vent’anni che a Piacenza si deliberano piani di abbattimento, contro la volpe, i piccioni, i corvi, nonostante la legge li preveda solo in via straordinaria, a fronte di gravi squilibri ambientali o danni alle colture – hanno detto i volontari del coordinamento -. I piani di controllo sono diventati a Piacenza un modo per continuare a cacciare tutto l’anno, giorno e notte, oltre la stagione venatoria. Le volpi sono state accusate senza prove, senza seri monitoraggi e censimenti”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE