Piacenza

Banda del grimaldello bulgaro, arresti domiciliari per 4 indagati

8 gennaio 2015

tribunale

Escono dal carcere per gli arresti domiciliari i presunti componenti della banda del grimaldello bulgaro. Lo ha stabilito nei giorni scorsi il tribunale del riesame di Bologna al quale si era appellato l’avvocato Guido Gulieri, difensore di quattro dei presunti componenti della banda. L’appello del difensore è stato accolto per tutti e quattro i suoi assistiti, che si sono così visti dischiudere le porte del carcere per gli arresti domiciliari. L’avvocato Gulieri nel suo appello ha fatto presente che per i suoi assistiti non vi era pericolo di fuga e pericolo di inquinamento delle prove e quanto sostenuto dall’avvocato piacentino è stato accolto dai giudici bolognesi del riesame. Otto erano state le persone arrestate dai carabinieri del nucleo investigativo lo scorso ottobre, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al furto e alla ricettazione. Accusa che permane per tutte e otto le persone arrestate a suo tempo. Al momento sette di questo gruppo si trovano agli arresti domiciliari, due dei quali con braccialetto elettronico, per tre di queste persone ha disposto gli arresti domiciliari il giudice per le indagini preliminari di Piacenza. L’ottava persona coinvolta nelle indagini è stata invece rimessa in libertà.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE