Piacenza

Crollo del ponte sul Po: assolti i 5 imputati. “Il fatto non sussiste”

23 gennaio 2015

crollo-del-ponte-sul-Po

Tutti assolti. Per i cinque imputati per il crollo del ponte sul Po avvenuto il 30 aprile 2009 è arrivata questa mattina al Tribunale di Lodi la sentenza di assoluzione piena con la formula “il fatto non sussiste”. La sentenza è stata pronunciata dal giudice Scalise. Entro 90 giorni verranno depositate le motivazioni.

Il pm Mario Bonizzoni aveva chiesto la condanna a due anni e mezzo di reclusione per i cinque dirigenti e tecnici di Anas imputati per il cedimento della campata della struttura sul Po tra San Rocco al Porto e Piacenza, che provocò il ferimento di tre automobilisti e paralizzò per molti mesi l’accesso alla nostra città. La Procura lodigiana sostiene che il ponte crollò “a causa della corrosione”, dovuta al fatto che le cinque persone a processo “non fecero eseguire le dovute manutenzioni mirate, nonostante diverse consulenze avessero evidenziato la necessità di intervenire”. Le accuse sono di disastro colposo, crollo di costruzioni e lesioni.

“Sono perplessa e stupita – ha dichiarato Elena Vezzulli, legale del Comune di Piacenza che si era costituito parte civile insieme al comune di San Rocco al Porto – non riesco a capire, le risultanze istruttorie parlavano chiaro. Attendiamo di conoscere le motivazioni”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza Provincia Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE