Rdb: si fa avanti il Consorzio Tecnohousing, 12 richieste

21 Febbraio 2015

Rdb

La Rdb, fallita il 12 febbraio scorso, continua a riscuotere interesse: la fase aperta dai curatori fallimentari, Michele Guidotti e Andrea Loranzi, per dare la possibilità agli imprenditori italiani di manifestare interesse nei confronti del gruppo si è chiusa con dodici richieste. Al momento, sui tavoli dei curatori, è arrivata un’unica offerta concreta, quella del Consorzio Tecnohousing. Tra i nomi di imprenditori che si sono fatti avanti manifestando interesse, è ritornato inoltre anche quello del romano Claudio Salini di Salc spa. Il 27 febbraio, venerdì, si terrà a Pontenure, in via dell’Edilizia, il coordinamento sindacale nazionale del gruppo.

Notizia delle 7.00 – Si è chiuso il termine ultimo per presentare manifestazioni di interesse verso il gruppo Rdb, in fallimento dal 12 febbraio. Il dato resta da confermare ma sarebbero circa una decina gli interessi arrivati, non da piacentini, all’attenzione dei curatori fallimentari, il dottor Michele Guidotti e l’avvocato Andrea Loranzi. I curatori hanno incontrato i rappresentanti nazionali di Cgil (Giovanni Rossi), Cisl (Luciano Bettin), Uil (Fabrizio Pascucci), nella sede di via dell’Edilizia 1 a Pontenure. L’obiettivo dell’incontro è stato quello di ribadire la necessità di ottenere il prima possibile la cassa integrazione per gli oltre 400 lavoratori del gruppo, 103 dei quali piacentini. Al termine del vertice, è stato sottoscritto dalle parti un verbale di incontro congiunto dove è stata confermata la disponibilità a presentare richiesta per la cassa integrazione per procedura concorsuale. Già nei prossimi giorni dovrebbe essere convocato un incontro al Ministero dello sviluppo Economico per discutere la possibilità, sulla quale convergono oggi più speranze, sia da parte dei curatori che da parte delle organizzazioni sindacali. La parlamentare Cristina Bargero ha presentato un’interrogazione chiedendo chiarimenti sul futuro dei lavoratori.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà