Benzina annacquata, decine di piacentini rimaste a piedi

27 Febbraio 2015

benzinaio

Decine di piacentini in questi giorni sono accomunati da un disagio non da poco: tra lunedì e martedì un distributore di carburante nella zona sud della città ha erogato un’alta percentuale di acqua assieme alla benzina. Tanti automobilisti, quindi, poco dopo aver effettuato il rifornimento sono rimasti a piedi, con la propria vettura che non ne voleva sapere di ripartire.
Una volta portata l’auto dal meccanico, tutti hanno fatto la stessa amara scoperta: acqua nel serbatoio, un problema che in alcuni casi ha provocato anche seri danni al motore, addirittura di migliaia di euro.
Da qualche giorno è dunque iniziato il “pellegrinaggio” all’impianto, con le richieste di risarcimento. “Se non dovesse arrivare ci rivolgeremo alla guardia di finanza”, affermano gli automobilisti appiedati. Qualcuno ha vissuto anche ore di vero disagio: “L’automobile mi si è fermata per ben 4 volte – afferma una donna ultrasessantenne – l’ultima delle quali sul Bagnolo, sotto un diluvio torrenziale e senza che passasse nessuno. Ho aspettato per un’ora il carro attrezzi, per non parlare di quanto mi sta costando tutta questa storia”.

A quanto pare il problema delle infiltrazioni d’acqua nella cisterna del distributore è stato risolto non appena segnalato dai clienti e l’attività dovrebbe essere tornata regolare. La compagnia petrolifera ha già attivato l’iter assicurativo per le 13 richieste di rimborso fino ad ora ricevute.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà