Vendevano gioielli falsi per strada, tre romeni denunciati dai carabinieri

05 Marzo 2015

20150304_201353

Proponevano l’acquisto di collane, anelli e bracciali apparentemente in oro a prezzi vantaggiosi. Tre romeni, due coniugi 45enni e il figlio 22enne, uno dei quali pregiudicato per reati analoghi, si sono inventati venditori ambulanti di preziosi nel pomeriggio di ieri tra i comuni di Bobbio e Marsaglia. Le ripetute segnalazioni a distanza di pochi minuti pervenute alla centrale operativa della Compagnia carabinieri di Bobbio hanno fatto scattare immediati controlli da parte dei militari della locale stazione che, grazie alla dettagliata descrizione dei malfattori e del loro veicolo, una Mercedes blu con targa straniera, in pochi minuti li hanno individuati nelle vicinanze della zona artigianale.

I tre romeni sono stati trovati in possesso di diversi monili apparentemente in oro, con marchiati in modo approssimativo i simboli “18 K” e “oro 750”, ma realizzati con metallo per nulla prezioso. A bordo del veicolo c’erano attrezzi da scasso, sequestrati insieme ai falsi preziosi dai militari di Bobbio.

La donna aveva nel reggiseno 700 euro dei quali non sapeva giustificare la provenienza.

Tutti sono stati denunciati per contraffazione e commercio di oggetti contraffatti, nonché per il porto di arnesi atti allo scasso. Per i tre è stato proposto il foglio di via obbligatorio da Bobbio.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà