Ucciso in casa. Moglie indagata, l’avvocato: “E’ sotto shock”

27 Marzo 2015

20150327-081034.jpg

E’ stata affidata d’ufficio all’avvocato Annamaria Grossi la difesa di Angela Lanza di 62 anni che nella notte ha accoltellato e ucciso il marito. “E’ sconvolta e sotto shock, non riesce a capacitarsi di quanto accaduto, non voleva che finisse così” queste le parole dell’avvocato che punterà sulla linea della legittima difesa. “Dimostreremo che la mia cliente si è dovuta difendere – ha proseguito Grossi – e faremo emergere la verità pur rispettando tutti. Non dimentichiamo che la coppia ha una figlia che va tutelata. Si tratta di una storia famigliare complessa e delicata. C’è molto dolore attorno a questa vicenda. La mia assistita è seriamente provata. In queste ore così difficili non le è stato permesso di tornare nella casa del delitto né di rimanere sola”.

MOGLIE INDAGATA – Arrivano importanti aggiornamenti nel caso dell’uomo, Giovanni Mutti, 64 anni, ucciso nella notte con due coltellate al petto: la moglie, interrogata in questura fino alle 9 di questa mattina, sarebbe indagata a piede libero. L’accusa sarebbe di eccesso colposo in legittima difesa: stando a quanto gli inquirenti hanno ricostruito, infatti, le due coltellate sarebbero arrivate al culmine dell’ennesima lite della coppia, con la donna che avrebbe riferito di non sopportare più le continue violenze del marito. E’ stata proprio la moglie, in stato di shock, ad avvertire i soccorsi.

QUARTO, 64ENNE MORTO PUGNALATO AL CUORE – Omicidio nella notte in una villa a Quarto, in via Lombardina. Intorno all’una, un uomo di 64 anni, Giovanni Mutti, uno dei titolari dell’omonima azienda di autotrasporti di Podenzano, è stato pugnalato con un coltello da cucina. Due i colpi inferti vicino al cuore che non hanno lasciato scampo al 64enne. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra mobile di Piacenza con i colleghi della scientifica, delle volanti e le autorità investigative. La moglie è stata portata in questura e interrogata dal sostituto procuratore Antonio Colonna. L’accoltellamento sarebbe scaturito al culmine di una violenta discussione, l’ennesima di una lunga serie. Nei mesi scorsi le liti tra i due coniugi avevano richiesto anche l’intervento delle forze dell’ordine. La donna avrebbe raccontato agli inquirenti di non sopportare più le violenze subite. L’omicidio si sarebbe consumato in camera da letto, l’uomo sarebbe poi deceduto sulle scale dove è stato ritrovato e soccorso dai sanitari del 118 avvertiti dalla moglie.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà