Multe per rifiuti abbandonati, i sindaci: “I soldi ai Comuni e non ad Atersir”

28 Marzo 2015

rifiuti

“Diamo ai Comuni i soldi delle multe per abbandono di rifiuti su territorio, anziché mandarli ad Atersir”. E’ stata accolta dagli amministratori pubblici della provincia di Piacenza la proposta avanzata nel consiglio locale di Atersir, l’ente regionale per la gestione di acqua e rifiuti, di destinare alle amministrazioni locali i proventi delle multe elevate sul loro territorio relative a rifiuti abbandonati. Per farlo, però, occorre la modifica di una legge regionale, e i sindaci ne hanno votato la richiesta.
Questa proposta, oltre a dirottare nelle casse comunali soldi altrimenti destinati a Bologna, consentirebbe risparmi e semplificazione per i cittadini che intentano un ricorso, in quanto allo stato attuale sono costretti a rivolgersi al capoluogo di regione.

Per non gravare ulteriormente di lavoro i vigili urbani con il controllo sul territorio dell’abbandono di rifiuti, inoltre, la proposta emersa nell’incontro è quella di coinvolgere anche le guardie ecologiche volontarie, attraverso una convenzione che ne renda formali e valide a tutti gli effetti le multe elevate.

COSTI DEL SERVIZIO – I costi dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti varierà dello 0,6 per cento su base provinciale. Si tratta in sostanza della cifra da pagare a Iren per i servizi offerti, altra cosa sono le tariffe ai cittadini che verranno calcolate da ogni singolo Comune anche in relazione alla quantità di raccolta differenziata. Nel capoluogo, Piacenza, non ci sarà alcuna variazione rispetto al 2014. Per l’ambito provinciale il costo complessivo del servizio raccolta e smaltimento rifiuti è pari a 39.355.871 euro. I costi dello smaltimento all’inceneritore passano da 120 a 125 euro a tonnellata e questo dipende dalla delibera regionale sui costi di smaltimento. Nella tabella ci sono situazioni differenti tra comuni e tra questi Piacenza con aumento zero, Fiorenzuola con un +1,96, Farini con un +10,20%, Castelsangiovanni (-1,57%)

© Copyright 2021 Editoriale Libertà