Rdb, gruppo Salini rinuncia all’acquisto: “Nessuna risposta”

01 Aprile 2015

Rdb, la sede di Pontenure (1)

Il Gruppo Claudio Salini comunica che ieri, 31 marzo 2015, sono decorsi i termini di validità dell’offerta di acquisizione del Gruppo RDB presentata lo scorso 20 marzo e che, non avendo ricevuto nessun riscontro da parte dei curatori fallimentari in merito alla stessa, si ritiene la proposta decaduta di validità. “Confermiamo – dichiara Claudio Salini – di non aver ricevuto alcuna risposta. Questo silenzio infrange anche l’ultimo filo di speranza per le centinaia di lavoratori e dipendenti del Gruppo RDB, il cui fallimento dichiarato si protrae ormai da quasi due mesi senza esito. Con l’acquisto del Gruppo – continua Salini – avremmo, infatti, salvaguardato il posto di lavoro dei dipendenti e le commesse sulle quali la ditta era all’opera, contribuendo a far rientrare capitali utili a sanare qualche buco di bilancio. Si è sperato fino all’ultimo – conclude Salini – in un salvataggio”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà