Polledri rivoluto da Bossi nella Lega; Rainieri: “Per noi è fuori”

02 Aprile 2015

polledri

Nuovo colpo di scena in casa Lega Nord a Piacenza. Massimo Polledri, ex parlamentare piacentino, oggi consigliere comunale del Carroccio, espulso dal partito all’inizio di marzo, è stato invece reintegrato. Il suo ricorso è stato formalmente accolto dal presidente federale del Carroccio, Umberto Bossi, che proprio alcuni giorni fa dal palco della festa padana di Bergamo aveva definito una “ignominia” le espulsioni di persone che hanno creduto per decenni nella Lega. Sono anni che Polledri è oggetto di critiche da parte della segretaria piacentina e di quella emiliana.

“Sono un vero leghista – commenta Polledri – e mi dispiace che a livello locale si sia perso tempo per niente, mentre Salvini e il centrodestra stanno cercando di mettere insieme i pezzi di una Italia sfiduciata. Sono felice che le presunte gravi motivazioni sulla mia espulsione si siano rivelate inesistenti. Credo che il progetto politico di Salvini e di Bossi – prosegue Polledri – abbia bisogno dell’aiuto prezioso di tutti. Ci sono problemi seri da risolvere che sono quelli della gente – spiega Polledri ai microfoni di Telelibertà – basta con i bullismi politici.

A quei colleghi piacentini di partito che hanno voluto la sua espulsione dice: “La cattiveria torna sempre indietro, io sono stato ripagato dai messaggi di solidarietà ricevuti dalla gente e da politici di altri partiti”.

“La Lega sa lavorare molto bene anche senza Polledri e fino a quando io sarò segretario non ci sarà posto per lui”. Parole molto dure quelle utilizzate da Fabio Rainieri, al timone della Lega Nord Emilia, sul reintegro di Polledri nella Lega Nord voluto da Bossi. La richiesta di espulsione era partita proprio dalla segreteria locale un anno e mezzo fa: “Perché non spiega alla gente i motivi per cui è stato espulso? – spiega Rainieri – Polledri parla di bullismo politico ma sono stati proprio i suoi atteggiamenti nei confronti dei militanti a portarlo a questo punto. Per me è fuori e non lo considererò mai uno di noi. Porterò avanti questa battaglia” – ha concluso Rainieri.

“Rainieri chi?” Non si fa attendere la riposta di Massimo Polledri alla presa di posizione del segretario emiliano della Lega che ha sconfessato pubblicamente la decisione del vertice di via Bellerio che ha invece reintegrato l’ex parlamentare piacentino. “Comunque – conclude Polledri – voglio ricordare che in anni di militanza ho sempre agito all’insegna della massima trasparenza e non sono mai stato raggiunto da avvisi di garanzia o da condanne. Rainieri può dire lo stesso?”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà