Furti e razzie a San Giorgio, quattro gruppi di cittadini “controllori”

18 Aprile 2015

San Giorgio (1)-800

Sono quattro i nuovi gruppi di Controllo di Vicinato pronti ad attivarsi a San Giorgio: la benedizione ufficiale è arrivata sera nel salone d’onore del Municipio nel corso della riunione operativa per la definizione delle fasi conclusive della nuova iniziativa. Per il momento, l’attività anti-furto inizierà all’interno del capoluogo ma è già previsto il prossimo coinvolgimento delle frazioni per un successivo allargamento.

I cittadini, intervenuti numerosi e provenienti anche dalle frazioni vicine, hanno chiesto come diventare “sentinelle” in grado di segnalare prontamente ai propri vicini di casa e alle forze dell’ordine movimenti o presenze sospette. In tutto, sono state definite quattro diverse zone di San Giorgio dove sorgeranno in queste settimane altrettanti gruppi di controllo. Ognuno di questi avrà un referente, ancora da definire ufficialmente, che farà da collante tra le segnalazioni dei cittadini e le forze dell’ordine.«Ci teniamo che quest’iniziativa arrivi anche nelle frazioni e proprio per questo motivo il prossimo incontro sarà organizzato a Centovera» spiega il sindaco Tagliaferri. «Come già accaduto in altri comuni, anche a San Giorgio si pensa ad organizzare gruppi su WhatsApp per far circolare le segnalazioni tra i cittadini. Ma questo è un valido sistema anche per avere un contatto puntuale sul territorio, segnalando ad esempio problemi pratici come l’interruzione dell’acqua o del gas o la presenza di buche sulle strade».

Chi volesse aderire, può approfondire le sue conoscenze sul sito dell’associazione Controllo di Vicinato (controllodelvicinato.it) e contattare direttamente il sindaco Tagliaferri o il comandante della Polizia locale Paolo Giovannini.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà