Rifiuti radioattivi da Caorso in Slovacchia per essere trattati

25 Aprile 2015

20150424-225152-82312160.jpg

Dalla centrale di Caorso partiranno per la Slovacchia per essere trattati i fusti con le resine e i fanghi contaminati nel periodo di funzionamento della centrale. L’operazione si dovrà svolgere nell’arco di tre anni alla fine dei quali i rifiuti a media e bassa radioattività torneranno a Caorso per essere di nuovo stoccati in nuovi depositi da costruire secondo criteri moderni di sicurezza. I depositi sostituiranno quelli attuali realizzati al tempo del funzionamento della centrale. “A mio giudizio – dice Sandro Fabbri, presidente della commissione tecnica regionale per il decommissioning – questo è il primo vero passo per la dismissione dell’impianto di Caorso”. Intanto è allarme per i tempi che si allungano in attesa del deposito nazionale. “E’ fondamentale che si vada avanti con il processo di decommissioning – dichiara il sindaco di Caorso Roberta Battaglia – i continui rallentamenti non sono positivi”.
I servizi di approfondimento oggi su Libertà

© Copyright 2021 Editoriale Libertà