Il parcheggio pubblico in realtà è area privata: nervi tesi a Quarto

14 Maggio 2015

20150513-233045.jpg

Per tutti, quello è sempre stato il parcheggio della pizzeria, del supermercato, della tabaccheria o del vicino bar. Per tutti, forse, ma non per il legittimo proprietario di quell’area che, nei giorni scorsi, ha messo cartelli e transenne per evitare il passaggio di automobili e persone. Così, sono dovuti intervenire anche gli agenti della polizia municipale dell’Unione Bassa Valtrebbia e Valluretta per calmare gli animi. È successo a Quarto dove al centro dell’attenzione c’è il “parcheggio” che si trova parallelo alla Statale 45 all’incrocio con la Strada Regina: lì, nei giorni scorsi, un abitante ha sistemato cartelli con l’indicazione di proprietà privata e negato l’accesso agli automobilisti che volevano recarsi agli esercizi commerciali. Ma l’intervento dei vigili e del vicesindaco di Gossolengo Massimo Sartori non ha risolto il problema. “Effettivamente l’area è privata anche se nel tempo è sempre stata considerata come un’area di servizio alle attività presenti – fa notare il sindaco di Gossolengo Angelo Ghillani -. Esamineremo la questione, che risale agli anni ’70, assieme agli uffici per trovare un soluzione”. Intanto, il consigliere di minoranza Aldo Abbruzzese sta preparando sul tema un’interrogazione da portare in consiglio comunale.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà